Nato Shamley Green, nel Surrey, Regno Unito

Classe 1950

Altezza 1,79

Sposato, Separato e Risposato

Padre di tre figli

Direi un uomo all’apparenza comune che rispetta i canoni di oggi, ma dopo le prime righe si capisce che qualsiasi cosa ha sognato, poi l’ha raggiunta in poco tempo. Basta pensare a quello che ha realizzato a livello imprenditoriale.

Nel 1993 riceve una laurea honoris causa in ingegneria dalla Loughborough University.

Nel 1999 viene nominato dalla regina Elisabetta II d’Inghilterra ,cavaliere , commendatore dell’ordine dell’Impero Britannico.

Secondo la rivista Forbes nel giugno 2015 il suo patrimonio ammonta a circa 5,2 miliardi di dollari.

Pensare di raccontare qualcosa di nuovo, se si parla di Lui è improbabile.

E’ cosi famoso in Gran Bretagna che in un inchiesta condotta su un campione di bambini e relativa ai personaggi che giudicano di maggior riferimento, si è piazzato addirittura davanti a Gesù.

Sir Richard Charles Nicholas Branson è un imprenditore britannico,  più conosciuto semplicemente come Richard Branson, fondatore del Virgin Group, il quale comprende oltre 400 società e 35.000 collaboratori, non mi sono sbagliata a mettere uno zero sono 35.000

Ma cosa è successo? Che cosa avrà mai fatto accadere per realizzare un impero del genere?

Possiamo iniziare nel dire che Branson da piccolo soffriva di dislessia e a scuola faceva fatica, ma questo non ci aiuta a capire come ha fatto ha realizzare un azienda del genere.

Ultimi a scuola primi nella vita, si potrebbe dire leggendo la sua biografia.

“ Ricordo un giorno , quando ero piccolo, mia madre mi fece scendere dalla macchina a quasi 5 km da casa in aperta campagna.

Voleva che trovassi l’orientamento da solo e imparassi sin da piccolo a cavarmela da solo.

Fu il preside della scuola a dire per primo ai suoi genitori:”O finirà in galera o diventerà milionario.”

Branson racconta che la sua prima attivita imprenditoriale a soli 11 anni, fu piantare alberi di Natale ma a causa di un orda di conigli rovinò l’intera piantagione ma senza perdersi d’animo, catturò e vendette i conigli.

Emerge cosi la sua prima grande caratteristica “ MAI ARRENDERSI “.

Siamo nell’Inghilterra degli anni 60-70 quando si afferma sulla scena la musica “ribelle” che diventa una bandiera per le nuove generazioni.

Nasce cosi la Virgin Records con l’obiettivo di vendere dischi e nastri per corrispondenza.

Il business sembrava andare bene, fino a quando uno sciopero delle poste Inglesi manda in crisi l’attivita.

La reazione di Branson?

Reinvestire nel settore e moltiplicare l’impegno.

Acquista il primo negozio a Londra in Oxford Street e da quel negozio inizia la scalata della VIRGIN RECORDS .

Un cugino gli parla di un giovane musicista di talento, scartato da tutte le case discografiche e Branson decide invece di produrre la sua musica.

Era Mike Oldfieeld che nel suo primo Album venderà 10 milioni di copie ed era solo l’inizio di una lunga serie di affari e talenti scoperti si aggiunsero alla lista Phil Collins, Bryan Ferry, Sex Pistols, Rolling Stones…

La sua trasversalità rappresenta a pieno la mentalita vincente e abbondante di questo imprenditore.

Compagnie Aeree e ferrovie, palestre, musica, vini, drink, servizi finanziari e assicurativi, autonoleggi, telefonia mobile, videogiochi

“ Se ben sapete gestire un Business allora saprete gestirne qualsiasi altro”.

Richard Nranson non ha mai inventato un prodotto rivoluzionario.

I suoi risultati sono difficili da spiegare.

Tutti i settori in cui Branson ha saputo fare una differenza erano già consolidati e dominati da attori importanti.

La sua vera grande forza sta nel motivare i suoi collaboratori, facendo ottenere al suo team risultati inaspettati, che si tratti di un impresa economica o del tentativo di battere un record mondiale.

Le persone in gamba e fedeli a Richard hanno ricevuto incarichi di maggior responsabilità e stipendi crescenti.

A tutti è offerta una chance per dimostrare il proprio valore. E ai più bravi è riconosciuta una partecipazione minoritaria nel business.

La sua strategia diventa quella di rintracciare i business più interessanti per applicare la filosofia Virgin.

In questo è facilitato anche grazie a centinaia di proposte e idee che ogni mese riceve da tutto il mondo e che vengono vagliate dal suo team di esperti,

Quando un impresa è stata valutata e scelta alla Virgin sono bravissimi a mettere su un impresa in pochi mesi.

Ogni società all’interno del gruppo opera in maniera separata, alcune sono di proprietà di Branson, mentre in altre il fondatore ha solo una piccola parte.

Una strategia che spiega anche la decisione nel 1990 di ricomprare in Borsa tutte le azioni che solo qualche anno prima aveva collocato, potendo cosi gestire  più liberamente il suo gruppo.

“Ogni volta che un’azienda diventa troppo grande ne apriamo subito un’altra. Mantenere le cose piccole significa mantenerle a misura d’uomo e questo a sua volte ti consente di tenersi le persone che contano davvero.”

Se avete da spendere 35 mila euro al giorno potete soggiornare nella sua isola caraibica soggiorno minimo 5 notti.

Ad arrotondare affittando le sue case Branson ci ha preso gusto, visto che altre due sue residenze sono aperte alla formula Fly,Stay & Pay.

Per esempio in Sud Africa dove ha creato una riserva naturale di 3000 ettari con tre cottage intorno a dei laghetti, oppure in Marocco dove ha trasformato un antico forte, in una residenza per sultani.

Quando cominciò ad affittare Necker Island, molti pensavano fosse pazzo, che non ci fosse mercato.

Ora l’isola è prenotata per i prossimi 3 anni

La Virgin Galactic è una compagnia creata dal magnate Richard Branson (proprietario della Virgin) per realizzare un’offerta di voli spaziali suborbitali per il mercato commerciale.

Il 17 ottobre 2011 ha inaugurato nel deserto del Nuovo Messico, negli Stati Uniti, lo “Spaceport America“, il primo aeroporto spaziale della storia, firmato dall’architetto britannico Norman Foster.

La prima navetta, la cui entrata in servizio era prevista per il 2012/2013, è chiamata SpaceShipOne.

Il 31 ottobre 2014 l’aeronave SpaceShipTwo è esplosa in volo sopra il Deserto del Mojave poco dopo essere stata sganciata dall’aereo madre; il fatto è accaduto pochi secondi dopo l’accensione dei propri propulsori, causando la morte del copilota e il ferimento grave del pilota.

Nel 2018 l’accordo siglato tra SITAEL e Virgin Galactic prevede che un veicolo spaziale di The Spaceship Company verrà costruito con il contributo tecnologico della prima e verrà assemblato in Puglia per poi essere utilizzato nel futuro spazioporto di Grottaglie.

Il progetto dell’azienda è di offrire 500 posti all’anno al costo di 200 000 dollari l’uno per raggiungere quote superiori ai 100 km d’altezza e per offrire sei minuti di assenza di peso.

Questo mercato è attualmente coperto solo dall’agenzia spaziale russa che offre i voli a prezzi di circa 20 milioni di dollari per sei giorni di volo.

Oltre che come imprenditore Richard Branson si è fatto conoscere per le sue imprese da record – come la traversata atlantica in barca o la trasvolata del Pacifico in pallone.

Uno spirito di avventura e intraprendenza che ha guidato anche il suo modo di fare impresa.

Voglio chiudere cosi con tre frasi di Richard Branson che personalmente fanno riflettere molto:

È importante rialzarti, ripercorrere i tuoi passi, guardare ciò che è andato storto e imparare dai tuoi errori Continua a correre dei rischi.”

 “In futuro la fortuna che avrai negli affari sarà determinata da quanti rischi calcolati sarai disposto ad assumerti.”

Le opportunità in affari sono come gli autobus. C’è n’è sempre un altro in arrivo.